MaestraStem

Visioni

Start

Benvenuto in questa pagina, mi chiamo Anna Rita Bisogni.

Sono contenta, che tu sia qui..vuol dire che la Visione delle persone sta cambiando, e che anche tu come me, pensi sia necessario un cambiamento dell’assetto formativo, dove i bambini ed i ragazzi possano costruire le loro competenze

per una innovazione creativa che parta dal basso e che consenta loro di esprimere le loro intelligenze multiple,

la loro curiosità, la ricerca, la creatività in modi molteplici ed inconsueti, facendoli sentire accolti e valorizzando le loro diversità

Sono una maestra della Scuola dell’infanzia da qualche anno approdata alla scuola primaria , sono stata in questi anni referente Coding e team dell’innovazione digitale e didattica.

Con orgoglio posso dire di fare parte del progetto Europeo DoIt

DOIT – Entrepreneurial skills for young social innovators in an open digital world

Che ha ricevuto finanziamenti dal programma di ricerca e innovazione Orizzonte 2020 dell’Unione europea nell’ambito della convenzione di sovvenzione n. 770063

Onorata di far parte della campagna “Spotlight on Global Education Innovators 2020” pubblicato da “Innovative Education Council, Finland”, iniziativa che riconosce gli innovatori di tutto il mondo, che hanno dimostrato le loro soluzioni uniche e li onora per essere gli innovatori dell’anno.

Ho contribuito con il progetto “Pinocchio e le SteAm” alla ” 2021 STEM Discovery Campaign Blog” essendo pubblicato sul loro Blog Ufficiale

https://blogs.eun.org/sdw-blog/2021/05/11/the-adventures-of-pinocchio-and-the-steam/

Formatrice Scuola Futuro per il Progetto PNSD Azione25 “Formare al futuro con le Steam” ed i moduli “Let’s Smile Let’s Code” e “Coding dall’analogico al digitale”.

Amo e insegno materie STEAM in un paese che ancora non ne conosce appieno le potenzialità, assicurandomi che i miei piccoli studenti possano vivere tutte le esperienze di cui hanno bisogno, e diritto, per una crescita sana ed equilibrata, cercando di colmare il Gap territoriale che ancora tristemente subiamo.,. Recentemente il mio progetto “Leonardo amava le steAm” ha vinto la selezione italiana del Science On Stage per la categoria Science For The Youngest, rappresentando l’Italia a Praga.

Mi occupo di didattica digitale e tecnologia, ma esploro tutto l’universo STEAM amando alla follia il tinkering ed il making che porto a scuola insieme alla mia valigia delle meraviglie.

Di fatto anche per me essere su questa pagina è un arrivo, ma allo stesso tempo una nuova partenza;

ho fatto una strada tutt’altro che scontata, anzi..ho intrapreso per anni vie diverse, liceo classico, magistrale, giurisprudenza, studi legali, finanziari ed assicurativi….

ma ognuna di esse ha consentito di essere chi sono, di pensare nel mio modo, e di fare le cose che so fare.

Pago un prezzo altissimo però nel mio lavoro, sono sempre ultima nelle graduatorie della mia scuola, perché ho pochi anni di servizio e pochi titoli specifici rispetto alle mie colleghe,

ogni anno rischio di andare via..chissà dove, in quale montagna sperduta, o a quanti km lontana da casa, ma so che questa strada è quella giusta…

La scuola mi ha dato doni speciali, mi ha regalato tante colleghe diverse e fantastiche che osservo con ammirazione per tutte le loro competenze,

mi ha regalato tante possibilità di crescita personale e professionale ed opportunità per esprimere la mia creatività,

mi ha regalato gioia e divertimento, e mi ha regalato l’affetto dei bambini, e quello davvero supera tutto!

Questo Blog è una raccolta delle attività stem svolte in questi anni con i bambini a scuola, a casa ed in altre esperienze educative.

Nutro con grande fermezza l’importanza di introdurre queste materie nelle scuole sin dalla scuola dell’infanzia,

consentire ai bambini di sperimentare, anche attraverso il tinkering, permette loro di praticare le abilità

  • del pensiero critico
  • del problem solving
  • della creatività
  • ed aumentare il senso di fiducia verso se stessi.

I bambini in tali contesti trovano soluzioni in maniera autonoma, costruiscono le loro conoscenze, sono gli autori del loro apprendimento, si divertono

nelle nostre scuole, generalmente parlando, si ride troppo poco.

L’idea che l’educazione della mente debba essere una cosa tetra è la più difficile da combattere.

GIANNI RODARI

Purtroppo la scuola italiana è ancora largamente ancorata ad una tipologia di insegnamento di tipo lineare e gerarchico dove le competenze da raggiungere sono

leggere, scrivere e far di conto, esattamente come 50 anni fa.

L’acronimo STEM deriva dall’inglese Science, Technology, Engineering e Math e si riferisce alle discipline accademiche della scienza, della tecnologia, dell’ingegneria e della matematica

ma in realtà sono 4 discipline integrate in un nuovo sistema educativo basato su situazioni di realtà o autentiche, ed alle quale ormai si è aggiunta una quinta disciplina che trasforma le STEM in steAm per indicare: A di Arte!

Ma allora perché Visioni? semplicemente perché questa strada la inseguivo da tanto senza però saperlo, esattamente come te…adesso!

Quindi di nuovo, benvenuto! sei nel posto giusto!